13 - Giovanni Giuseppe dal Sole (Bologna 1654 – Ivi 1719) L'invidia

13 - Giovanni Giuseppe dal Sole (Bologna 1654 – Ivi 1719)  L'invidia

Acquaforte
Misure lastra mm 173 × 124

Pittore ed incisore allievo del padre Antonio, poi di Domenico Maria Canuti e del Pasinelli. Molto apprezzato in vita ha lavorato in Italia (Bologna, Parma, Lucca, Verona e Roma), in Inghilterra e in Polonia elaborando uno stile elegante attento ai particolari e al dettaglio paesaggistico quale sfondo delle composizioni. Bartsch illustra tre sue incisioni, Gori Gandellini ne cita cinque. Gli intagli derivano tutto da Lorenzo Pasinelli di cui Giuseppe o Gioseffo è stato allievo. Solo questa lastra deriva da un’idea di Guido Reni come si legge in basso a sinistra nell’inciso “Guid R. Inv. Del.” nell’esemplare pubblicato dal Bartsch illustrato. Tale derivazione potrebbe essere sostenuta dal fatto che anche in campo pittorico dal Sole nella seconda parte della sua carriera professionale abbandona il Pasinelli per rielaborare l’insegnamento di Guido Reni. Tuttavia è lo stesso Bartsch, nell’edizione del 1870 a dichiarare che in basso a sinistra nell’inciso si legge “G. N. Zanii del.” (non si sa quale sia l’esemplare esaminato dall’autore), quindi il soggetto deriverebbe da un’idea di Giovanni Battista Zani bolognese.Nel presente esemplare, infine, si legge “G. M. R. Inv. Del.”il che farebbe propendere per una derivazione da Reni.
Impressione eccellente e ben contrastata, piccoli margini. Ottimo stato di conservazione eccetto angolo superiore sinistro ricostruito.

Bibliografia: Benzit, 1966, vol 8, p 11; Bartsch, XIX, pp 328/331, n 1; T.I.B. 43, 1(329).

Richiesta: € 650,00