4 – Cornelis Cort, attribuito (Hoorn 1533 - Roma 1578) La Danae

4 – Cornelis Cort, attribuito (Hoorn 1533 - Roma 1578)  La Danae

Bulino
Misure lastra mm 258 × 313

Il soggetto deriva da un’idea di Tiziano ed è stato affrontato dal Maestro almeno in cinque occasioni. Questa versione deriva dal dipinto originale realizzato per Filippo II ed ora conservato al Kunsthistoritches Museum di Vienna, databile intorno al 1555/1560.
In passato l’opera è stata attribuita alla Scuola di Tiziano; in seguito Pallucchini prima e Valcanover poi l’hanno inserita direttamente tra le opere autografe di Tiziano. In epoca più recente, infine, Maria Catelli Isola la attribuisce a Cornelis Cort basandosi sul confronto stilisitico con le altre opere certamente autografe dell’artista olandese. A conferma di tale attribuzione è la presenta di Cort nella bottega di Tiziano dove ha eseguito solamente opere sotto la supervisione del maestro e sempre da opere originali.
Due esemplari sono presenti nel Fondo Nicola Pio presso il Gabinetto Nazionale delle stampe di Roma (inv. F.N. 1522 e 6101).
Ottima impressione, minimi marigni ma rifilata lungo la battuta lungo il solo margine inferiore. Qualche macchia nella carta e piega verticale visibile al verso.
Filigrana: frammento di “ancora nel cerchio” sormontato da “trifoglio” (carta veneta databile alla seconda metà del secolo XVI).

Bibliografia: Maria Catelli Isola ( a cura di ), “Immagini da Tiziano”, catalogo della mostra, Roma, 1976, n 36, p 43.
Non in Hollstein vecchia edizione, non in Wurzbach, non in Bartsch né in TIB.

Richiesta: € 1200,00