Giovanni Battista Quadrone (Mondovì 1844 – Torino 1898) In attenzione

Giovanni Battista Quadrone (Mondovì  1844 – Torino 1898) In attenzione

Acquaforte e velature
Misure lastra mm 100 x 143

Pittore ed incisore dal talento precoce. Si forma presso l’Accademia Albertina di Torino e già espone nel 1863. Si dedica al paesaggio piemontese e sardo e al quadro di costume con un innovativo taglio fra il romantico e il verista. La passione per la caccia traspare nei dipinti e nelle poche ma abili incisioni; è proprio il tema venatorio a sancire il successo dell’artista. Opera incisa nel 1870, firmata in lastra in basso a sinistra sotto il soggetto con il monogramma e per esteso. Il cane raffigurato Esemplare stampato su carta bianca morbida con fondino color grigio così come apparsa nella rivista L’Arte in Italia nel maggio 1870 con commento del critico Camerana. Impressione eccellente con pregevole effetto di tono sul fondo, foglio intonso. Ottimo stato di conservazione, al verso tracce del vecchio montaggio.

Bibl: Davoli, 1955, “L’acquaforte italiana dell’800. Rassegna storica”, n1; Giubbini, n1 e fig. 309.

Richiesta: euro 450,00