Luigi Colombo detto Fillia (Revello CN 1904 – Torino 1936) Nudo meccanico

Luigi Colombo detto Fillia (Revello CN 1904 – Torino 1936) Nudo meccanico

China su carta
Misure foglio 290 × 230

Pittore e poeta italiano, prese lo pseudonimo dal cognome della madre, animatore e leader del secondo futurismo sul territorio torinese. Teorico inizialmente molto attivo nel teatro e nell’editoria (Poesia proletaria, 1922) si avvicina presto all’aeropittura astratta fino a trovare un proprio linguaggio in quella che chiama figurazione cosmica.
Raro esempio della prima, più intellettuale e internazionale attività di Fillia.
Firma in basso a destra Fillia/1925.
E’ possibile effettuare un confronto stilistico con una simile opera già in collezione Mattioli pubblicata (pag. 219, tav 2) in Silvia Evangelisti, Fillia e l’avanguardia futurista negli anni del fascismo, Mondadori Daverio 1986.
L’opera reca al verso iscrizione di appartenenza: “collezione Romano Lorenzin. Milano”. Lorenzin fu un collezionista milanese che possedeva molte opere futuriste e astratte, nonché dipinti dello stesso Fillia.
Ottimo stato di conservazione.

Prezzo: collezione privata