Stampe decorative

JOHN RAPHAEL SMITH (Derby 1752 – 1812) The fortune teller

JOHN RAPHAEL SMITH (Derby 1752 –  1812) The fortune teller

Maniera nera stampata in bistro
Misura lastra 492 × 450

Il soggetto deriva da un dipinto di Matthew William Peters un controverso pittore che ha realizzato a pastello e a olio ritratti di aristocratici inglesi. Ciò che lo rese noto fu una serie di studi di cortigiane a carattere erotico presto diffusa tramite riproduzioni in incisioni realizzate anche dallo stesso Smith. Peters poi intraprese la carriera ecclesiastica (1781) e condannò le sue stesse pitture dedicandosi a temi più socialmente accettabili di gusto romantico. Smith è uno dei più abili rappresentati del genere “maniera nera”, tecnica morbida e vellutata che ebbe ampia diffusione in Inghilterra, incisore ed editore del foglio a Londra nel 1786.

NICOLAS PONCE (Parigi 1746 – 1831) Les èpoux curieux

NICOLAS PONCE (Parigi 1746  – 1831) Les èpoux curieux

Acquaforte
Misure lastra mm 275 × 315

Incisore e scrittore, con il bulino e l’acquaforte ha inciso ritratti, soggetti religiosi e scene di genere, ha lavorato come illustratore per l’industria editoriale.
Picevole coppia di fogli da soggetti di Sigmund Freudenberger, pittore svizzero formatosi a Parigi sotto Boucher e Greuze dei quali è evidente il debito stilistico. Il dipinto “L’oroscope accomplie” è conservato alla Galleria di Berna.
Impressione eccellente, ampi margini. Leggere tracce di foxing. Frammento di filigrana “armi” non identificabile.

Ex Coll. Emile Hage, parigi sec. XIX (Lugt 869)

ALBERT ADAM (Parigi 1830 – 1900) Suzerain par The Nabob e Bravery Vainqueur du Derby Francais de Chantilly 1868

ALBERT ADAM (Parigi 1830 – 1900) Suzerain par The Nabob e Bravery Vainqueur du Derby Francais de Chantilly 1868

Litografia a colori poi colorata a mano
Misure soggetto mm 370 × 560, foglio mm 530 × 690

Illustratore e litografo attivo nell’industria editoriale, figlio ed allievo di Victor Albert anch’egli litografo dalla produzione sterminata. Spesso padre e figlio hanno lavorato insieme, i cavalli da corsa sono una delle specialità di Victor che Albert seppe continuare nel rispetto della tradizione.
Impressione eccellente, foglio a pieni margini. Ottimo stato di conservazione eccetto presenza di foxing e qualche gora ai soli margini bianchi.

Richiesta: 460,00 euro

ALBERT ADAM (Parigi 1830 – 1900) Consul par Monarque et Lady Lift vainqueur du Derby Francais de Chantilly 1869

ALBERT ADAM (Parigi 1830 – 1900) Consul par Monarque et Lady Lift vainqueur du Derby Francais de Chantilly 1869

Litografia a colori poi colorata a mano
Misure soggetto mm 370 × 560, foglio 530 × 690

Illustratore e litografo attivo nell’industria editoriale, figlio ed allievo di Victor Albert anch’egli litografo dalla produzione sterminata. Spesso padre e figlio hanno lavorato insieme, i cavalli da corsa sono una delle specialità di Victor che Albert seppe continuare nel rispetto della tradizione.
Impressione eccellente, foglio a pieni margini. Ottimo stato di conservazione eccetto presenza di foxing e qualche gora ai soli margini bianchi.

Richiesta: 460,00 euro

GIAN GIUSEPPE MANCINI (attribuito) Pietrasanta 1881 – Milano 1954 Progetto architettonico per monumento pubblico

GIAN GIUSEPPE MANCINI (attribuito) Pietrasanta 1881  – Milano 1954 Progetto architettonico per monumento pubblico

Acquaforte
Misure lastra mm 160 × 240

Architetto, pittore, scultore e scenografo, professore a Parma, Napoli e Milano (Accademia di Brera), Professore ordinario di Elementi di composizione presso Il Politecnico di Milano (1927/1934) e Preside della Facoltà di Architettura fino al 1948. L’incisione è interessante per il soggetto, per la tecnica e per il segno. Il segno deciso e libero è sorretto da un uso sciolto delle morsure. Il soggetto propone una visione innovativa dell’architettura, impressionante il modo con cui è costruita la quinta architettonica sulla destra. Il disegno è in relazione con i progetti dell’autore tipici del periodo antecedente l’insegnamento, epoca in cui Mancini vince il Salone dell’Architettura di Parigi (1904).

Stefano della Bella (Firenze 1610 - 1664) Vaso dei Medici,1656


Dalla serie “Sei grandi vedute di Roma e dintorni”. Acquaforte, 307 × 274, piccoli margini. De Vesme-Massar, n 832; Salamon, n 154 II/III. Impressione eccellente con la data corretta e il monogramma “SDB”, Filigrana: “testa coronata di profilo” (Lieure, 21, Ortolani, 3).
€ 1500,00


Stefano della Bella (Firenze 1610 - 1664) Vaso dei Medici,1656

AARON MARTINET Editore (Parigi 1762 – 1841) Le supreme Bon Ton

AARON MARTINET Editore (Parigi 1762 – 1841) Le supreme Bon Ton

Acquaforte con acquerellatura coeva
Misure lastra mm 205 × 260

Coppia di fogli editi da Martinet a Parigi intorno al 1810 raffiguranti cittadini colti in eposodi di cronaca quaotidiana. L’editore, talvolta anche inventore ed incisore dei soggetti, divenne presto noto per i fogli “Caricature” che proponeva nelle sue vetrine di Rue du Coq St. Honoré. M. non fece altro che aggiornare la tradizione paterna di pubblicare incisioni con gli episodi più applauditi della commedia dell’arte che si rappresentavano in città, raccogliendoli in album di costumi del teatro. Tanto i fogli paterni quanto quelli di Aaron divennero presto popolari, l’impresa si ingrandì (1822 diventa Martinet-Hautecoeur), cambiò sede e passò al più economico mezzo litografico.

Condividi contenuti