Secolo XVIII

04 – Ubaldo Gandolfi (San Matteo della Decima 1728 - Ravenna 1781) Fauno giacente (recto); studio di mano, braccio, elsa (verso)

04 – Ubaldo Gandolfi (San Matteo della Decima 1728 - Ravenna 1781) Fauno giacente (recto); studio di mano, braccio, elsa (verso)

Disegno a sanguigna
misure mm 170 × 432

Pittore e disegnatore appartiene ad una prolifica famiglia di artisti. Ubaldo si forma presso l’Accademia Clementina di Bologna sotto Ercole Graziani, Felice Torelli ed Ercole Lelli, con il fratello Gaetano nel 1760 soggiorna a Venezia traendone importate impulso. A testimonianza della sua personale felice produzione, per lo più a soggetto religioso, ci restano dipinti, cicli di affreschi, disegni e qualche scultura.

05 - Claude Louis Chatelet (Parigi 1753 – ivi 1794) Site pittoresque et sauvage de l'ancienne abbaye de La Cava pres Salerne

05 - Claude Louis Chatelet (Parigi 1753 – ivi 1794) Site pittoresque et sauvage de l'ancienne abbaye de La Cava pres Salerne

disegno a penna e acquerello
misure imm. mm 158 × 235, foglio mm 237 × 338

Pittore, disegnatore e illustratore, specializzato nelle scene di paesaggio animato, subisce l’influsso stilistico di H. Robert. Ha lavorato a Parigi per la regina Maria Antonietta e viaggiato a lungo in Francia e Svizzera poi con Vivant-Denon e Chatelet nel sud Italia, a Roma e Firenze collaborando ampiamente al Voyage. Repubblicano convinto, finisce ghigliottinato nel 1794.

06 - Carlo Lasinio (Treviso 1759 - Pisa 1838) Dove è amore è gelosia; Chi muore giace, chi vive si dà pace

06 - Carlo Lasinio (Treviso 1759 - Pisa 1838) Dove è amore è gelosia; Chi muore giace, chi vive si dà pace

acquaforte originale con acquerellatura coeva
Misure lastra mm 115 × 70

Pittore, incisore e disegnatore capostipite di una prolifica famiglia attiva fra Pisa e Firenze. Lasinio è stato docente all’Accademia di Firenze, si ricordano in particolare serie di ritratti e le incisioni derivate dagli affreschi del Camposanto di Pisa. I due fogli appartengono alla “Raccolta di quaranta proverbi toscani espressi in figure da Giovanni Piattoli fiorentino”. La serie è il frutto della collaborazione diretta fra incisore e disegnatore.

07 - Luigi Sabatelli (Firenze 1772 - Milano 1850) La peste di Firenze

07 - Luigi Sabatelli (Firenze 1772 - Milano 1850)  La peste di Firenze

Acquaforte originale
Misure lastra mm 645 × 865

Protagonista della stagione a cavallo fra neoclassicismo e romanticismo. Sabatelli si forma a Firenze, nel 1789 è a Roma dove resta suggestionato dal lavoro di Jacques Louis David, infine dal 1808 è a Milano titolare della cattedra di pittura presso l’Accademia di Brera. L’eclettica scelta dei soggetti, la costante “idea del sublime” e lo studio dei maestri faranno sì che l’incidere di Sabatelli sia una reazione a un certo accademismo neoclassico che contraddistingue tuttavia la sua produzione pittorica.

08 - Luigi Sabatelli (Firenze 1772 - Milano 1850) Ritratto di fanciullo

08 - Luigi Sabatelli (Firenze 1772 - Milano 1850)  Ritratto di fanciullo

Disegno a matita
Misure mm 207 × 270

Pittore, incisore e frescante protagonista della stagione neoclassica con qualche già precoce accenno romantico. Si forma a Firenze presso l’Accademia di Belle Arti, nel 1789 è a Roma dove resta suggestionato dal lavoro di Jacques Louis David. Pittore di corte di Maria Luisa di Borbone regina d’Etruria lavora in molte chiese e palazzi fra cui Palazzo Pitti a Firenze. Dal 1808 è titolare della cattedra di pittura presso l’Accademia di Brera di Milano. Incisore originale e visionario è apprezzatissimo disegnatore dal tratto sicuro e incisivo.

Giovanni Battista Tiepolo (Venezia 1696 - Madrid 1770) Donna con le braccia incatenate e quattro figure

Giovanni Battista Tiepolo (Venezia 1696 - Madrid 1770)  Donna con le braccia incatenate e quattro figure

Acquaforte originale
Misure mm 136 × 173

L’incisone è una delle dieci che compongono la serie nota come i Capricci incisa tra il 1738 e il 1739. I soggetti sono composizioni concretamente irreali nella loro perfezione, solo apparentemente teatrali ma mai casuali e in ogni caso ricche di oggi non più immediati rimandi filosofici, alchemici o massonici. Esemplare appartenente con ogni probabilità all’edizione detta Manfrin (1785) la terza dopo le due all’interno della Raccolta di chiaroscuri dello Zanetti.

14 - Michele Marieschi (Venezia 1710 – 1743) La regata a Ca' Foscari / Cortile interno del Palazzo Ducale / I Frari

14 - Michele Marieschi (Venezia 1710  –  1743)  La regata a Ca' Foscari / Cortile interno del Palazzo Ducale / I Frari

Acquaforte
Misure lastra immagine mm 312 × 465; misure lastra testo mm 17 × 462

Pittore e incisore, ricercato e apprezzato in vita al pari di Canaletto. Si è dedicato all’incisione in età avanzata per eguagliare l’opera del collega/rivale che veniva diffusa attraverso le riproduzione a stampa di Lovisa e Visentini. Ha raffigurato con un segno brillante e personale la città di Venezia nei suoi angoli più caratteristici. Le sue incisioni sono particolarmente apprezzate per l’intenso chiaroscuro e per i gustosi episodi macchiettistici che le animano. La lastra appartiene alla serie di vedute nota come “Urbis venetiarum prospectus”, pubblicata dall’autore nel 1742 a Venezia presso la calcografia Wagner (poi ripetutamente edite).

15 - Gianbattista Tiepolo (Venezia 1696 – Madrid 1770) Donna seduta che parla con un vecchio, 1745 c.

15 - Gianbattista Tiepolo (Venezia 1696 – Madrid 1770)  Donna seduta che parla con un vecchio, 1745 c.

Acquaforte
misure lastra mm 223 × 174, foglio mm 407 × 273

Pittore, frescante, disegnatore ed abile incisore, è considerato uno degli artisti europei più importanti del XVIII secolo. Ha operato in Italia, Germania e Spagna. La sua attività incisoria ha inizio verso la fine degli anni Trenta ed è caratterizzata da una straordinaria vena immaginativa rappresentata con un sapiente uso del chiaroscuro.
Tavola numero 3 di venticinque appartenente alla serie degli “Scherzi”.

16 - Giandomenico Tiepolo (Venezia 1727 – Ivi 1804) Due vecchi

16 - Giandomenico Tiepolo (Venezia 1727 – Ivi 1804)  Due vecchi

Acquaforte
misure lastra mm 279 × 87, foglio mm 345 × 167

Si forma sotto gli insegnamenti del padre Gianbattista, diventandone il più fidato aiutante e prendendone lo stile. Nonostante ciò riceve anche importanti incarichi che porta a termine personalmente.
Esordisce in campo acquafortistico trasponendo in incisione la “Via Crucis” da lui eseguita per la chiesa di San Polo a Venezia. Esegue diverse acqueforti riproducendo alcuni dipinti del padre.

17 - Giovanni David (Cabella Ligure 1743 - Genova 1784) Habits des Nobles

17 - Giovanni David (Cabella Ligure 1743 - Genova 1784)  Habits des Nobles

Acquaforte
Misure lastra mm 245 × 170, foglio mm 380 × 264

Giovanni David, allievo del pittore romano Domenico Corvi, fu il solo artista ligure a operare in Liguria, in Piemonte e nel Veneto grazie alla protezione della famiglia genovese dei Durazzo, mercanti e setaioli di origine albanese che nel 1573 raggiunsero il dogato. Nel 1774, su richiesta dell’ambasciatore Gerolamo Durazzo, David si trasferì a Venezia dove iniziò una serie di incisioni che illustrano la vita della popolazione del tempo, rivelando la sua indole di acuto osservatore e di altissimo incisore. Ed è probabilmente a questo periodo che risale il soggetto rappresentato. L’opera, firmata in basso a sinistra David Gen. Inv. Fecit, è intitolata Habits des Nobles/Ils donnent tous leurs soins au bien de la Patric. Boil. Le figure imponenti e arcigne dei due uomini, alti magistrati della Repubblica veneta, sono abbigliate con vestiti sontuosi che contrastano con lo sfondo appena abbozzato nel cortile del Palazzo Ducale da cui si intravedono le strutture della Manica rinascimentale. Esemplare I/II stato prima degli interventi ad acquatinta. Impressione eccellente, ampi margini, ancora visibili le linee guida nel titolo. Ottimo stato di conservazione.

Condividi contenuti