Secolo XVII

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665) “Un Satiro riposa sotto la statua di priapo”,1645

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665)  “Un Satiro riposa sotto la statua di priapo”,1645

Materia e tecnica: acquaforte
misure: foglio 156 × 231 mm; lastra 117 × 214 mm

Pittore e stimato incisore, specializzato nella tecnica dell’acquaforte e inventore della tecnica del monotipo,
specializzato in scene a soggetto biblico e mitologico, sempre affollate di animali Le sue pennellate sottili e incisive hanno i caratteri inquieti di un pittore alla ricerca di nuove soluzioni spaziali e formali.

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665) Circe con i compagni di Ulisse trasformati in animali, 1655

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665)  Circe con i compagni di Ulisse trasformati in animali, 1655

Materia e tecnica: acquaforte
misure: foglio 282 × 422 mm; lastra 217 × 307 mm

Pittore e stimato incisore, specializzato nella tecnica dell’acquaforte e inventore della tecnica del monotipo,
specializzato in scene a soggetto biblico e mitologico, sempre affollate di animali Le sue pennellate sottili e incisive hanno i caratteri inquieti di un pittore alla ricerca di nuove soluzioni spaziali e formali.

Impressione eccellente, ben inchiostrata, stampata con leggera tonalità su carta vergellata priva di filigrana ottimo stato di conservazione, risalente alla fine del XVII sec.
Ampi margi

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665) “Pastore a cavallo con cane che guida un greggie di pecore”, 1635-1640.

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665)  “Pastore a cavallo con cane che guida un greggie di pecore”, 1635-1640.

Materia e tecnica: acquaforte
misure: foglio 192 × 256 mm; lastra 189 × 252 mm

Pittore e stimato incisore, specializzato nella tecnica dell’acquaforte e inventore della tecnica del monotipo,
specializzato in scene a soggetto biblico e mitologico, sempre affollate di animali Le sue pennellate sottili e incisive hanno i caratteri inquieti di un pittore alla ricerca di nuove soluzioni spaziali e formali.

impressione eccellente, nitida e ben inchiostrata, buono stato di conservazione.

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665) Vecchio uomo barbuto con turbante piumato.

Giovanni Benedetto CASTIGLIONE (Genova 1609 - 1665) Vecchio uomo barbuto con turbante piumato.

Materia e tecnica: bulino, acquaforte
misure: foglio 213 × 133 mm; lastra 111 × 131 mm

Pittore e stimato incisore, specializzato nella tecnica dell’acquaforte e inventore della tecnica del monotipo,
specializzato in scene a soggetto biblico e mitologico, sempre affollate di animali Le sue pennellate sottili e incisive hanno i caratteri inquieti di un pittore alla ricerca di nuove soluzioni spaziali e formali.

Impressione eccellente dalla ricca inchiostratura, lastra firmata in alto a sinistra, dalla serie “Piccoli studi di teste all’orientale”,anni 1645 e 1650.
Esemplare della tiratur

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Chi tutto vuole nulla hà...17

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Chi tutto vuole nulla hà...17

Chi tutto vuole nulla hà, e di rabbia muore.

acquaforte
misure: lastra 274 × 196 mm; foglio 346 × 259 mm

Incisore e pittore, allievo del padre Agostino. Autore prolifico di oltre seicento incisioni, realizza opere di riproduzione e numerosi soggetti che commentano in chiave popolaresca fatti storici, temi morali e situazioni sociali (fra questi ultimi la serie più nota Le Arti per via, basata su un gruppo di disegni di Ann. Carracci).

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Pensa di te...19

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Pensa di te...19

Pensa di te e poi di me dirai

acquaforte
misure: lastra 276 × 199 mm; foglio 348 × 256 mm

Incisore e pittore, allievo del padre Agostino. Autore prolifico di oltre seicento incisioni, realizza opere di riproduzione e numerosi soggetti che commentano in chiave popolaresca fatti storici, temi morali e situazioni sociali (fra questi ultimi la serie più nota Le Arti per via, basata su un gruppo di disegni di Ann. Carracci). A lui si debbono anche illustrazioni per romanzi cavallereschi e serie di carte da gioco.

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) la botte dà del vino...21

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) la botte dà del vino...21

la botte dà del vino, ch’ ell’ hà.

acquaforte
misure: lastra 275 × 197 mm; foglio 346 × 259 mm

Incisore e pittore, allievo del padre Agostino. Autore prolifico di oltre seicento incisioni, realizza opere di riproduzione e numerosi soggetti che commentano in chiave popolaresca fatti storici, temi morali e situazioni sociali (fra questi ultimi la serie più nota Le Arti per via, basata su un gruppo di disegni di Ann. Carracci). A lui si debbono anche illustrazioni per romanzi cavallereschi e serie di carte da gioco.

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) L'asino benchè tristo...35

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) L'asino benchè tristo...35

L’asino benchè tristo sia stimulato alle volte tira qualche calcio.

acquaforte
misure: lastra 273 × 198 mm; foglio 345 × 260 mm

Incisore e pittore, allievo del padre Agostino. Autore prolifico di oltre seicento incisioni, realizza opere di riproduzione e numerosi soggetti che commentano in chiave popolaresca fatti storici, temi morali e situazioni sociali (fra questi ultimi la serie più nota Le Arti per via, basata su un gruppo di disegni di Ann. Carracci).

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Chi riceve ingiuria...34

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Chi riceve ingiuria...34

Chi riceve ingiuria scrive in marmo, e chi là fa in polve.

acquaforte
misure: lastra 274 × 198 mm; foglio 348 × 259 mm

Incisore e pittore, allievo del padre Agostino. Autore prolifico di oltre seicento incisioni, realizza opere di riproduzione e numerosi soggetti che commentano in chiave popolaresca fatti storici, temi morali e situazioni sociali (fra questi ultimi la serie più nota Le Arti per via, basata su un gruppo di disegni di Ann. Carracci).

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Trista è quella casa...9

Giuseppe Maria Mitelli (Bologna 1634- ivi 1718) Trista è quella casa...9

Trista è quella casa, dove la gallina canta e il gallo tace.

acquaforte
misure: lastra 273 × 199 mm; foglio 345 × 260 mm

Incisore e pittore, allievo del padre Agostino. Autore prolifico di oltre seicento incisioni, realizza opere di riproduzione e numerosi soggetti che commentano in chiave popolaresca fatti storici, temi morali e situazioni sociali (fra questi ultimi la serie più nota Le Arti per via, basata su un gruppo di disegni di Ann. Carracci).

Condividi contenuti