Secolo XVII

Giovanni Francesco Grimaldi (Bologna 1606 - Roma 1680) San Francesco d'Assisi riceve le stigmate


Acquaforte, 321 × 460, ampi margini. Bartsch, 50. Impressione eccellente. Filigrana: “giglio nel cerchio”.
€ 1100,00


Giovanni Francesco Grimaldi (Bologna 1606 - Roma 1680) San Francesco d'Assisi riceve le stigmate

Claude Gellé detto Lorrain (Champagne 1600 - Roma 1682) L'apparizione


Acquaforte, 106 × 172, piccoli margini. Mannocci, IV/V. Buona impressione dopo la ripresa della lastra.
€ 400,00


Claude Gellé detto Lorrain (Champagne 1600 - Roma 1682) L'apparizione

Stefano della Bella (Firenze 1610 - 1664) Paesaggi diversi


Frontespizio
Contadina che si toglie le scarpe per attraversare il fiume
Due cavalieri passano a guado un corso d’acqua
Due viandanti guardano delle rovine
La caccia al cervo
Due cavalieri galoppano verso destra
Il mulino a vento
la pastorella che fila mentre custodisce la mandria
Il disegnatore seduto ed il pastore che lo osserva
Frontespizio e otto di 12 tavole dalla serie “Diversi paesaggi”. Acquaforte 120 × 257, ampi margini fogli intonsi. De Vesme-Massar, 757 – 761, 765 – 768 II/II. Impressione eccellente con il numero in basso a destra, una gora al solo angolo superiore sinistro. Filigrana: “lettere G A sormontate da tre gigli entro scudo” (Lieure, 50) nella maggior parte dei fogli.
€ 900,00 cad.


Stefano della Bella (Firenze 1610 - 1664) Paesaggi diversi

Stefano della Bella (Firenze 1610 - 1664) Vaso dei Medici,1656


Dalla serie “Sei grandi vedute di Roma e dintorni”. Acquaforte, 307 × 274, piccoli margini. De Vesme-Massar, n 832; Salamon, n 154 II/III. Impressione eccellente con la data corretta e il monogramma “SDB”, Filigrana: “testa coronata di profilo” (Lieure, 21, Ortolani, 3).
€ 1500,00


Stefano della Bella (Firenze 1610 - 1664) Vaso dei Medici,1656

Jacques Callot (Nancy 1592 - 1635) La Grande Chasse


Acquaforte, 192 × 463, rifilata lungo la battuta del rame. Lieure, 353 I/IV. Impressione eccellente su carta italiana priva di filigrana come specificato dal Lieure per i primi stati. Quattro pieghe verticali visibili al verso. Esemplare catalogato da Lieure come “RR”.
€ 6800,00


Jacques Callot (Nancy 1592 - 1635) La Grande Chasse

Sebastien Bourdon (Montpellier 1616 - Parigi 1671) Paesaggio con Giuseppe sulle rive del Nilo


Acquaforte, 291 × 432, rifilata alla linea di contorno. DuMesnil I, 34 I/III; Le Blanc, 33-44 I/III. Impressione eccellente, al verso piega verticale. Filigrana: “grappolo d’uva nel cerchio con scritta Colombier” (Haewood, 2431). Ex collezione: R. Houlditch (Lught, 2214) e W. Nijs (Lught, 2641b).
€ 450,00


Sebastien Bourdon (Montpellier 1616 - Parigi 1671) Paesaggio con Giuseppe sulle rive del Nilo

LORENZO LOLLI o LOLI (Bologna 1612 – 1691) Ercole fanciullo

LORENZO LOLLI o LOLI (Bologna 1612 – 1691) Ercole fanciullo

Acquaforte
Misure mm 185 × 137 (inciso); MM. 193 × 139 (lastra)

Pittore ed incisore allievo di Guido Reni e di Sirani, da cui spesso ha desunto i soggetti delle sue lastre (30 circa).
Il soggetto è, in questo caso, di invenzione.
Ottima impressione come di consueto parzialmente evanescente per difetto di morsura. Esemplare con buoni margini in ottimo stato di conservazione. Foglio intonso.

Bibliografia: Bartsch xix n 24, T.I.B. 42.

€ 650,00

LORENZO LOLI (Bologna 1612 – 1691) Cupido che rompe il suo arco

LORENZO LOLI (Bologna 1612 – 1691) Cupido che rompe il suo arco

Acquaforte
Misure mm. 183 X 135 (inciso); mm. 187 X 140 (lastra)

Pittore ed incisore allievo di Guido Reni e di Sirani, da cui spesso ha desunto i soggetti delle sue lastre (30 circa).
Il soggetto è, in questo caso, di invenzione, in basso a destra si legge la data 1640.
Ottima impressione non sempre omogenea (evanescente in corrispondenza del lato sinistro del busto di Cupido). Esemplare con buoni margini, una piccola macchia al centro del soggetto.

Bibliografia: Bartsch XIX N 23, TIB

€ 650,00

SIMONE CANTARINI detto il pesarese (Pesaro 1612 – Verona 1648) La Vergine incoronata

SIMONE CANTARINI detto il pesarese (Pesaro 1612 – Verona 1648) La Vergine incoronata

Acquaforte
Misure mm 212 × 139

Acquafortista, pittore formatosi presso il Ridolfi a Venezia poi a Pesaro quindi a Bologna dove assume un certo classicismo naturalistico. L’esecuzione della lastra risale con ogni probabilità al periodo marchigiano (1639 circa); La costruzioni solida e complessa della scena ne è una conferma. I putti o bimbi dal volto pasciuto e scapigliato sono un elemnto ricorrente in molta della produzione incisoria di Cantarini. Caratteristico il segno largo e spazioso e il rado incrociarsi delle linee. Esemplare nel III/III stato con il punto dopo la scritta “S. C. da Pesare fe”, ampi margini

JAN SAENREDAM (Zaandam, c. 1565 - Assendelft in 1607) Fregio

JAN SAENREDAM (Zaandam, c. 1565 - Assendelft in 1607) Fregio

Bulino
Misure mm 263 × 383

Orfano non potè dedicarsi da subito al disegno in cui dimostrava doti evidenti. Dopo una prima esperienza quale stampatore di mappe, entrò nel 1589 nella bottega di Hendrick Goltzius , lavorando saltuariamente anche per Jacques de Gheyn II. Probabilmente il migliore tra gli interpreti dei lavori di Goltzius incise le opere degli artisti da cui il maestro stesso treva spunto.
Il foglio appartiene ad una serie di 8 tavole incise ne 1594 da soggetti di Polidoro da Caravaggio. Esemplare con ampi margini. Impressione eccellente con il testo latino nel margine inferiore. Piega verticale a metà foglio, due strappi e una piccola gora che interessano il solo margine bianco.

Condividi contenuti